In giro per il Web · Musica

iDoser, che cagata!

E’ un po’ che si parla di questa nuova trovata: drogarsi in internet (come se la rete non provocasse già di per sè dipendenza).
Per chi fosse all’oscuro del fenomeno, iDoser sfrutta una tecnica già utilizzata in medicina per la cura di alcuni disturbi quali mal di testa, insonnia, ecc…

Il sistema, in sostanza, funziona sulla base dei cosiddetti “battiti binaurali” sperimentati sul cervello negli anni Settanta dal dr. G. Oster e che consistono nell’applicare frequenze herziane diverse ai due orecchi per stimolare il cervello a seconda della loro intensità (le frequenze cerebrali vanno da 1 -4 Hz per il livello Delta (sonno profondo) fino ad un massimo di 30Hz allo stato vigile che corrisponde alla frequenza Beta, passando per gli stati intermedi Theta e Alfa, quest’ultimo è uno stato di semiveglia usato nei sistemi di Controllo Mentale perche’ consente di sincronizzare i due emisferi potenziando l’attivita’ cerebrale, mentre il livello Theta è proprio della mente impegnata in attività di immaginazione, visualizzazione, ispirazione creativa e del sonno REM.
Le “dosi” proposte da iDoser si ottengono applicando, con auricolari, alte frequenze asincrone ai due orecchi, per esempio 500 e 510 Hz , causando nel cervello un tono di 10 Hz cioe’ in pieno livello Alfa e favorendo cosi’ gli effetti di alterazione della percezione. (fonte: http://www.tarantohiphop.com/idoser/).

Quando seppi della trovata il mio commento istintivo fu “Che cagata!”.
Però non mi andava di liquidare il fenomeno senza cognizione di causa, quindi oggi ho scaricato le mie dosi da eMule ed ho provato la mia omonima, la Marija.
Ripeto “Che cagata!”. Pensavo che le dosi fossero mischiate (come un banale messaggio subliminale) a musica vera, invece no… solo rumori. E vi posso descrivere anche bene che tipo di rumori (no, non intestinali!): pale di elicottero in funzione e trattore in moto. Insomma un giramento di pale totale.

Ecco cosa la mia dose mi evocava: aperta campagna dove un elicottero per sbaglio stava per atterrare affianco, anzi sopra ad un trattore. Magari il trattore era quello di Johnatan Kent e l’elicottero minaccioso non riusciva ad atterrare perché Clark, nei panni di Superman, tentava di tenerlo in aria mentre le pale gli squarciavano il mantello e per poco non si faceva trivellare le budella…

Non so… questi vaneggiamenti di fantasia sono il frutto della Marija? A chi si accinge a rispondere si, preciso che mentre avevo quella roba nelle orecchie il mio pensiero si è fermato alla frase “un elicottero sta per atterrare affianco ad un trattore”. Il resto l’ho aggiunto ora scrivendo, completando l’immagine per renderla un tantino più appetibile!

A me questa pare essere una cagata pazzesca e sopratutto basata sulla pura autosuggestione. E non è un caso che tra le istruzioni per avere gli effetti della dose al 100% ci sia ad es. l’evitare ogni distrazione (no rumori, no cani per casa…); prendere la dose al buio; restare ad occhi chiusi; concentrarsi sull’effetto voluto; rimanere immobili… L’unico effetto che sta roba mi ha suscitato è stato un tremendo fastidio e senso di nausea (dovuto al fastidio o alla fame?).

(…continua…)

Annunci

8 thoughts on “iDoser, che cagata!

  1. ciao!!! sono approdato per caso al tuo blog su idoser….
    siccome non l’ho ancora sperimentato non posso esprimermi in merito, ma se vi è una cosa che mi ha colpito è il tuo amore per la musica..
    io sono un polistrumentista compositore di musica completamente strumentale e direi che vedo alla musica come una forma di magia(e vivo letteralmente per comporre e suonare)…
    peccato che non ti ho beccato su myspace, il tuo ascolto alle mie opere sarebbe stato per me un onore (da come parli della musica)!
    in ogni caso di Idoser mi interessa e mi intriga la tecnica utilizzata….esiste il modo di generare queste fantomatiche dosi all’interno di un programma che io utilizzo per l’editing audio chiamato “cool edit pro”….
    il plug in si chiama “Brain wave sincronizer” e supporta tutte le funzioni necessarie per produrre i suoni di idose (basta che poi si loopano per 30 minuti e ci si misceli un rumore bianco intervallato a sinistra e a destra della posizione stereo tramite un lfo a quadra di modesta velocità(ottenendo cosi’il tuo famoso elicottero).
    in ogni caso mi farebbe piacere conoscere meglio chi si droga di musica!!! non ti do l’url dello space per paura di fare spam (ormai altro che Idose, con la storia degli anti spam, non puoi nemmeno dire alla gente che respiri altrimenti spammi).
    in ogni caso spero di trovare il tuo contatto in qualche modo!
    ciao
    lex777

  2. 🙂
    Non vedo l’ora di venire sul tuo space!
    Da amante (che dico amante,DEVOTA) dei Depeche Mode non disdegno un certo tipo di musica elettronica, purche non sfoci nella cosidetta “industrial”.
    Io purtroppo la musica la fruisco soltanto, non so produrla, ahimè, e per certi versi invidio chiunque sappia comporla prima che suonarla.
    Comunque il tuo Url è ugualmente raggiungibile semplicemente cliccando sul tuo nick, verrò presto a visitarti, per ora però ho i Mega contati non so quanta roba riuscirò ad ascoltare fino a settembre, ma stai tranquillo che se trovo “roba buona” ti sponsorizzo inserendoti nella Blogroll! 🙂
    Ciau!

    Cmq… credo che lo lascerò un qualche contatto mail quassù… sei la seconda persona che me lo chiede! 🙂

  3. ehehe! purtroppo sfocio molto nell’industrial,anche se non in quello classico..se avrai la pazienza di saltare il primo brano il resto credo possa piacerti 🙂
    grazie per la tua risposta! amo la comunicazione e chi si dedica ai blog al posto di vedersi la tv 🙂
    baci
    lex

  4. La TV effettivamente la considero molto poco, tranne che per le passate due settimane in cui le Olimpiadi mi hanno tenuta incollata allo schermo dalle 8 alle 20!
    Ho ascolticchiato qsa e letto un po’ dei tuoi titoli, non mi meraviglierebbe scoprirti essere un Darkettone!!! 😉

  5. 🙂
    beh…diciamo che oggigiorno preferisco non darmi definizioni.. in gioventù (non che sia vecchio ho appena 30 anni) ero abbastanza sui canoni dark, canoni abbandonati un paio di anni fa perchè non mi sentivo rappresentato da cio’ che si definisce in un soggetto “dark”, cosi’ come non mi sento ne un “metallaro” ne un chicchessia 🙂
    ho molto a cuore la mia individualità, tanto che ormai, concerti e musica a parte, ho abbastanza creato il vuoto attorno al mio essere..sovente intavolo discussioni molto accese con chi si presenta in nome di un movimento qualsiasi e non in nome di se stesso….ti confesso che detesto le mode 🙂
    sono davvero onorato della tua visita al mio space 🙂
    ripeto che è molto piacevole scambiare opinioni con te, anche se spesso esito a scriverti causa la paura di invadere troppo il tuo spazio….a tal proposito se vuoi lasciami una mail 🙂
    saluti..
    lex

  6. Non preoccuparti per le “invasioni”.
    Se sono inerenti ai post lasciale pure, altrimenti il mio indirizzo mail lo trovi in basso nella colonna di destra della Home page!
    Sono d’accordo con te sulle etichette (tranne quelle dei miei post :mrgreen: )lasciano tutte il tempo che trovano. Pensa che i miei poveri Depeche Mode furono “classificati” New Romantic, manco se facessero musica tipo Duran Duran o Spandau Ballet… e che schifo! 😛

E tu? Che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...