Caro Diario · Casi Umani · Oscenità

Ho visto cose…

Sottotitolo: Coinquiline

E’ dal 2005 che vivo come fuori sede e divido casa con altre persone e vi posso assicurare che non ho voglia di tornare da mammà. Ho tantissima voglia, però, di vivere da sola, con la mia dolce metà se possibile, ma basta case in condivisione.

Volevo dedicare un post ad ognuna delle coinquiline che si faranno (in negativo) ricordare, ma prese singolarmente non rendono a dovere l’idea del “caso umano” che in questo caso (di nuovo, leggi qui) sono io, non rendono l’idea dello sgomento via via maggiore che provavo dinnanzi a certi fenomeni, non rendono l’idea di quanto sia grata a mia madre per l’educazione che mi ha dato (a livello di igiene personale, della casa, a livello culinario, ecc…), non rendono l’idea di quanto sia ora fortunata a dividere la stanza con la mia Stellina!

Innanzi tutto sembra che il minimo comune denominatore delle “fuori sede” sia avere dei disturbi alimentari ed anche piuttosto seri: dalle intolleranze all’anoressia le ho viste tutte, ma il caso umano degno di nota riguarda una tipa che in otto mesi è passata dalla taglia 46 alla 38 cibandosi solo di: mele, yogurt, zucchine lesse scondite, fiocchi di latte. STOP. Però se la si invitava fuori a cena era capace di ingollare 2 pizze, seguite da 2 cornetti… Ovviamente i chili erano stati persi, sì, ma il tono del suo fisico era sul flaccido andante, e il suo viso scavato da delle occhiaie inquietanti. Inutile dire che dopo un mese passato a casa a cibarsi in modo normale la sua taglia è passata dalla 38 alla 48 (se non 50).
Ma non è tutto! Un’altra tipa mangiava praticamente ogni giorno la pasta praticamente cruda perché le scocciava di aspettare che si cuocesse… Ma aspettate! Con cosa la mangiava? Spaziava dal ketchup (eh si!) ai fagioli+mais+pomodoro+parmigiano (tutto insieme 😥 ). Un giorno la trovai alle otto di mattina che cuoceva la pasta… nulla di strano: anche io cucino la mattina ciò che mangerò a pranzo in ufficio, ho pensato. Solo che poi se l’è mangiata al momento, scondita e rigorosamente cruda. Io: “Oh, ma ti piace tanto la pasta eh?” Lei: “Non ho nulla per la colazione” Io: “Beh, me lo dicevi, puoi prendere una merendina delle mie, o scendere al supermercato…” Lei: “No. Non fa nulla. Tanto sono sempre carboidrati!”. Beh… certo… non fa una grinza come ragionamento. Sono sempre carboidrati. Allora la prossima volta che il medico mi dice che sto anemica mi mangio la maniglia della porta, tanto è ferro…

Altro punto dolente è l’igiene della casa.
Essendomi in un certo periodo trovata con gente che non ne voleva sapere di sborsare i soldi dei detersivi ho deciso di comprarli e nasconderli per utilizzare da sola ciò che solo io compravo. Il risultato è stato il seguente: una delle coinquiline “lavava” le stoviglie semplicemente sciacquandole sotto l’acqua corrente (ho sequestrato e nascosto tutto quanto utilizzavo io per evidenti ragioni di salute).
Quanto all’altra… una mattina l’ho sorpesa che lavava i piatti con il detersivo, sì, ma del bucato. Lo ricordo bene, Felce Azzurra. Ah! ho dimenticato di dirvi che quella che utilizzava il potere pulente e sgrassante della semplice acqua corrente era iscritta all’ultimo anno di medicina…
Sempre lei, la laureanda in medicina, un giorno scoprii che “lavava” il bagno (sanitari compresi) con lo straccio che utilizzavamo per lavare il pavimento… Ci mancò davvero poco che le strappassi tutti i capelli che aveva in testa, a quella latrina!

Sempre per il motivo su detto, ossia mancata collaborazione alle spese della casa, ho deciso, illo tempore, di “nascondere” anche la carta igienica visto che da sola la comperavo. Risultato? Non ve lo potete immaginare:
Ho trovato un foglio di giornale nel WC… Ve lo giuro: ho trovato il City nel WC, a rischio e pericolo anche di intasare le condutture dell’intero condominio… Il City nel WC. L’avreste immaginato? Nel 2000 pulirsi il culo in casa con un foglio di giornale… Cose da pazzi.

Ma posso assicurarvi che Il City non è l’unica cosa che ho incontrato di strano nel WC… un giorno ci ho trovato una mela… Una mela, sì! Intera, con la buccia, lì, nella tazza.  Inutile dire che chi ha dovuto raccoglierla con i guanti sono stata io stessa, per il semplice motivo che il bagno mi serviva urgentemente. Altrettanto superfluo dire che l’autrice del misfatto non è mai venuta a galla, nonostante il suo evidente essere una stronza.

L’altro piano su cui un grosso punto interrogativo si innalza è il piano comportamentale.
A parte l’occasione in cui rincasai una sera con un tipo, trovando le mie coinquiline a mangiare in cucina al buio. AL BUIO! 😕 E’ vero, arrivava la luce dal corridoio… ma sempre al buio erano, maggiormente degna di nota è, però, quella volta in cui (a distanza di qualche giorno dall’episodio della cena al buio) beccai una di loro a studiare, STU-DIA-RE, in camera, di sera, al buio, piegata sui libri, sforzandosi di leggere con l’aiuto della luce dei lampioni della strada che filtrava dalla persiana chiusa, CHIUSA! E’ normale? voi avete avuto mai esperienze simili? Io se ci penso l’istinto che ho è di prendere la rincorsa e fiondarmi contro lo spigolo più duro della casa.

A proposito di sera, di cucina e stranezze “al buio”, vi segnale quest’ultimo (per ora) episodio accaduto alle 3 di notte. Mi alzo per prendere un bicchiere d’acqua, sorprendo due coinquiline in cucina indaffarate nel compilare dei moduli. Spontanea la domanda “che fate?” loro: “è la domanda per il concorso X…”, io: “ah! e dove si trovano i moduli?” loro: “In internet, ma non fai più in tempo!”.
E’ certo… perché i bandi di solito si chiudono alle 8 del mattino, anzi no, all’alba, per cui o la compilavo alle tre di notte oppure nulla! E sopratutto bisogna tenerle nascoste le notizie dei concorsi pubblici, perché una persona in più sulle 30000 che concorrono per 3 posti, si, è davvero un problema.

Avete capito perché voglio andare a vivere da sola? 😦

Annunci

19 thoughts on “Ho visto cose…

  1. A parte la straordinaria casistica (alcuni episodi mi erano già noti, peraltro), debbo senz’altro unirmi al ringraziamento a tua madre per le tue doti culinarie!!! 🙂

  2. certo che nascondere la carta igienica è proprio una cattiveria 🙂
    non ho capito perchè studiano e mangiano al buio..fotosensibili o risparmio energetico?
    nel secondo caso esistono sia le tariffe orarie sia le biblioteche…
    ps secondo me hai delle coinquiline eccezionali così sui generis che non me le lascerei scappare tanto sono foriere di stranezze..anzi me le prendo io in blocco.
    per il concorso hanno fatto bene,tu lo avresti vinto a mani basse..

  3. Cara Lulu:
    1) per la carta igienica: a mali estremi… in verità ho scritto “nascondere” tra virgolette, perché cmq avevo dato avviso che da quel momento in poi ognuna avrebbe pensato per sè… però mi guardavo bene dal lasciare il mio rotolo in bagno, questo si.
    2) per lo studiare al buio mi interrogo ancora ora sul vero motivo, ma l’unica risposta è “STUTICHEGNA” (=cretinaggine)
    3) in tutto sono 5 le mie ex coinquiline di cui dovresti farti carico… contenta tu (o contento? effettivamente se fossi maschio il tuo “desiderio” avrebbe più senso)… posso provare a ricontattarle se vuoi… però ora sono sparse per l’Italia.
    4) il concorso in questione in effetti lo avevo già vinto 😉 !

  4. ciao
    cinque coinquiline sarebbero in effetti troppe prese in blocco..propongo una rateizzazione, del tipo una al mese 🙂
    ora capisco perchè ne dici coì male (a ragione pare), ormai sono ex e degli ex di qualsivoglia natura in genere se ne dice male 🙂
    sarebbe interessante scovare il blog delle tue amiche e scoprire cosa dicono di te 🙂
    hai davvero vinto un concorso per tre posti con 30000 concorrenti?
    un pò di ragione ad odiarti ed a consumarti la carta igienica la hanno direi 🙂

    1. Il concorso non era nulla di particolare, si trattava del servizio civile… ma erano in ogni caso solite tenere nascoste tutte le notizie di bandi e quant’altro potesse portare guadagno.
      Per la cronaca: loro non hanno vinto! 😈

  5. Oh! Mi hai fatto tornare a galla ricordi quasi sepolti della mia esperienza di condivisione. Che dire? Anche io autonoma e pulita, ma senza essere maniaca, mi son trovata in casa con della gente zozza o maniaca e con delle ragazze che ci mancava poco che esercitassero la professione più vecchia del mondo… a casa nostra.
    Eh sì… a breve scrivo anche io un post.
    E comunque ti capisco: anch’io le avrei uccise e dopo un po’ di anni non si riesce più a sopportare certa gente.

  6. A proposito di esercizio della professione… a parte un paio di tipe che facevano salire gente a bere e strabere a casa chiedendo come unico requisito una macchina di grossa cilindrata, gente di cui si ignorava l’affidabilità e l’onorabilità… Attualmente occupo la stanza di una che “la vita” la faceva eccome, tanto che per tre mesi, sino a che la gente non capì che in quella casa non si facevano più prestazioni di un certo tipo, non potevo affacciarmi alla finestra: correvo altrimenti il rischio che gli uomini giù, con lo sguardo sempre rivolto al mio davanzale, fraintendessero un mio qualsiasi movimento (dallo sbattere uno straccio allo spostare le tendine) e si presentassero alla porta con le braghe calate… 😦

  7. Anche io ho avuto una che probabilmente faceva la vita… Poi è andata a stare da una vecchia riccona come badante e dopo qualche mese ci hanno chiamato i carabinieri per sapere se l’avevamo vista: era scappata coi soldi della vecchia. Purtroppo non mi ricordo il cognome di questa brava ragazza!

  8. 😯 😯 😯

    Ma vogliamo parlare della fastidiosissima pratica di prelevare cose dalla tua dispensa?
    Non che sia vietato, ma, cara coinquilina, non prendermi per il culo…
    Non che tu debba chiedermi per forza il permesso, ma almeno, quando mi ricompri il maltolto, per fare in modo che io non mi accorga di nulla, comprami le cose della stessa marca, dello stesso tipo…
    O devo passare per la pazza con le traveggole, che crede di aver comprato qsa che poi puntualmente sparisce????
    E poi… almeno quando te lo chiedo, se hai preso/ricomprato qsa, dimmi la verità. Perché, visto che in casa siamo in 4, non è bello dubitare di tutti e non sapere chi mente.
    Ma tanto, fatica sprecata, dalle mie parti le bugie non passano mai di moda.
    https://messagginbottiglia.wordpress.com/2008/09/15/bugiardi-cronici/

  9. Ecco tu hai sempre abitato con ragazze, quindi nn puoi immaginare cosa sia vivere con i maschi:D perche è risaputo che noi abbiamo meno pazienza quindi avresti potuto rischiare di trovarti alle 3 del mattino il tuo amato coinquilino che viene a romperti le palle mentre studi per l esame del giorno dopo perche gli da troppo fastidio sentire il click della tua penna a scatto e nn riesce a dormire e visto che tu prontamente lo mandi a fanculo lui prova a darti un pugno e sei costretto a chiudere il libro di elettronica su cui studi per dargli un calcio nelle palle e buttarlo fuori. Oppure aver appena finito di lavare il bagno, perche in casa sei l unico che lo fa e per questo ti etichettano come mastro lindo, e uno simpaticamente entra in doccia ma,quando ha finito, invece di darsi un scrollata mentre e ancora dentro tipo cagnolone, no esce tutto gocciolante si mette infradito e comincia a camminare su e giu per il bagno mentra inonda il pavimento che dopo esser calpestato diventa nero. E io devo rilavarlo. O beccare il genio (o presunto tale) a cui piace l amica che viene a trovarti per un paio di giorni e cosi piazza una webcam in bagno e una camera(MIA-.-) e manda una mail con l indirizzo dello streaming agli altri di casa e qualche altro amico.Pero, purtroppo per lui, sbaglia e la mail la manda anche ame. Cosi mi sopn dovuto ritrovare a dare spiegazioni sul perche abbia messo 2 webcam wifi che costano un occhio un ricevitore e un mixer video in un pentolone( che ancora nn ho capito pereh fosse in quella casa) con dentro candeggina e un pao di acido muriatico, che per chi ha studiato un po di chimica capira che la candeggina funge da accelrante e dopo piu o meno 10 minuti comincia a bollire tutto sciogliendosi. giusto il tempo per scattare delle foto e poi mandarle in rete agli amici con una copia(falsa) della presunta denuncia fatta da me e dalla mia amica. .Se vuoi continuo.
    Allora ritratti sulla convivenza tra donne o no??:D

  10. beh… sicuramente la convivenza tra donne è statisticamente meno pericolosa sotto queto punto di vista!
    Anche perchè mi sono ben guardata dal finire in case abitate da matricolette un po’ puttanelle che appena uscite di casa iniziano ad imitare Paris Hilton e compagnia bella….
    Ma la webCam in bagno è orribile…
    ma con chi vivi?! 😯

  11. Viveo..era uno di quei tipi strani, un po figlio di papa(se ancora si può dire), tutto pc.pc.pc.pc.pc.pc.pc.e saltuariamente università.
    Dopo che l ho sgamato e la visione della finta denuncia e delle sue cose un po sciolte in meno di una settimana ha improvvisamente cambiato casa. Fortunatamente quest anno le cose sono cambiate, in peggio, ma almeno nn ho più di questi problemi.

  12. Cmq debbo dire che un mio amico abitava in una casa in cui erano 8 uomini, un solo bagno, tutte stanze doppie…
    Avevano regole ferree (es. turni di pulizia precisi, turni anchee per cucinare, a pranzo si preparava per tutti, a cena ognuno a cazzi suoi…) una specie di casa-famiglia. Donne non potevano restare la notte… roba così…
    Tutto filava superliscio, a tavola discorsi seri… sono pronta a mettere la mano sul fuoco: opteresti per il figlio di papà! 😉

  13. Il mio primo anno era cosi, abitavo con un amico con cui ero partito. coinquilino piu grande.
    dire che eravamo molto meglio di 3 donne super maniache era dir poco, ma cmq almeno era una csa tranquilla:D

  14. Mi hai fatto morire ahahahahahahahahahhah

    sto ancora pensando al City nel WC e alla felce azzurra per lavare i piatti!

    Meno male che ho studiato nella mia (nostra) città 😉

E tu? Che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...