Caro Diario · The Puccis

Spiegazione possibile

Vivendo in una grande città purtroppo aumenta vertiginosamente il numero di mendicanti e barboni che si incontrano per strada, ogni mattina e ad ogni ora. Molti di questi barboni che mi capita di incontrare sono accompagnati da uno o più cani.

Tante volte mi sono soffermata a pensare cosa significasse per queste persone il proprio cane, se  potesse rappresentare qualcosa di più per loro rispetto alla gente che oltre al cane ha anche una casa dove andare a dormire. Ho pensato che potesse essere una fonte di calore nelle notti più gelide, l’ultimo fedele amico e l’unico sempre presente, la propria difesa, l’affetto sufficiente per tirare avanti, … Ultimamente ho iniziato a carezzare l’idea che quel cane potesse essere anche la ragione per cui si finisce per strada.

Mi spiego.

Il mio amour (e sotto sotto anche io) vorrebbe tanto avere un cane. Ma entrambi sappiamo che con gli orari che facciamo quel poveretto starebbe da solo tutto il giorno, per non parlare del fatto che le mie porte sono bianche e nuove, i tappeti e le coperte fresche di corredo… non sarebbe proprio il massimo della ragionevolezza lasciare un cane, grande o piccolo che sia, da solo tutto il giorno in casa. E poi richiede oltre alla passeggiata, pulizia accurata e quotidiana della casa, noi a malapena riusciamo a fare lo stretto necessario una volta a settimana.

Ma lui… lui continua a carezzare l’idea (ovvio che l’unico suo scrupolo è il lasciarlo solo soletto, STOP) e, come se non bastasse, le altre famiglie che nel nostro condominio hanno un cane non fanno altro che dire che “Si può fare!”. Addirittura una signora ha già ripetuto più volte al mio gentile coinquilino il metodo infallibile per convincere la propria moglie ad accogliere finalmente un cane in casa: metterla di fronte al fatto compiuto, presentarsi a casa con il musetto cuccioloso, che sarà di certo accolto con mille feste.

Certo, certo! Peccato che se succedesse a me una cosa del genere l’epilogo sarebbe ben diverso da quello sperato. u_u

barbone-2 (1)

 

35 thoughts on “Spiegazione possibile

  1. a marzo, quando sono stata a napoli da mia suocera, sotto alla metropoloitana di piazza garibaldi c’era una signora di una certa età che dormiva accanto al suo cane. era un meticcio di media taglia, con un muso dolcissimo. dormivano praticamente abbracciati. avevano un’aria serena, rilassata, nonostante il freddo ed il rumore che c’era … guardandoli ho pensato che nella vita, per essere felici … forse, basta veramente poco …
    sei proprio sicura che ‘di fronte al fatto compiuto’ riusciresti a resistere ad un muso cuccioloso??
    uhmmmm … io la pensavo come te fino a quando, 15 anni fa, mia figlia (allora tredicenne), non mi fece trovare a casa una gatta piccolissima … da allora, riccardina (questo è il suo nome), vive con noi anzi, da due anni, la famiglia pelosa è aumentata … sempre grazie a mia figlia che ha tirato fuori da un cassonetto ben 5 micetti appena nati … che li ha curati e svezzati fino a tre mesi poi, una l’ho presa io, una l’ha tenuta lei, un’altra l’abbiamo regalata ad una nostra amica e, i due maschietti, li ha presi la nonna del suo ragazzo!!🙂
    non si può resistere a chi è pronto a darti amore incondizionatamente … senza pretendere niente in cambio se non affetto e coccole!! certo, un cane è un impegno maggiore rispetto ad un gatto … ma io, non saprei resistere …🙂

  2. La verità è che faccio la dura, ma tale è l’effetto che mi fanno i pelosetti che mi sto rifiutando di incontrare il cucciolo di mia cognata per timore di rapirlo e tenerlo con me :p

  3. Il cane necessita di tanto impegno da parte del padrone, come dici tu, non è solo la passeggiata, ma anche la pulizia. Perchè non provate a prendere un micio? I gatti si autogestiscono e sono anche di compagnia (non come i cani, anzi io li trovo pure migliori dei cani).

  4. Clelia, qui si apre una ferita nel mio cuore..io ho una/più vicini che odiano gli animali, anzi..dicono: noi non gli facciamo del male ma però che non vengano vicino..invece la famosa “svizzera” di cui senti ogni tanto parlare nel mio blog, l’anno scorso dava con la scopa (per fortuna non l’ho vista sennò questa risposta la scrivevo dal carcere😀 ) ad un povero gatto ammalato (che poi ho fatto curare) dicendogli: che schifo, che schifo…….
    Purtroppo dopo anni di volontariato ho capito che l’uomo non merita tanto affetto ed io, quando vedo davanti ai negozi uomini con uno o più cani non posso resistere dal comperare cibo per tutti…..sono fatta così e sono contenta di esserlo..anche se leggi in giro su di me ne dicono di tutti i colori..ma non importa.
    Scusa il commento lungo, un abbraccio fortissimo.

  5. Io purtroppo sono meno poetica, e quando vedo un barbone con il suo cane mi domando cosa “davvero” spinge i barboni a prenderne uno. La risposta purtroppo non mi piace: “Tengono un cane perché così la gente si impietosisce ancora di più e lascia qualcosa”. La cosa brutta di questo è anche un’altra: la gente si impietosisce di più vedendo un cane che non un barbone. E’ logico?
    Spero che almeno una parte di loro tenga un cane per i motivi che ha detto Clelia. Sarebbe un conforto.
    Invece non mi domando mai che cosa spinge il cane a stare con il barbone perché lo so: amore incondizionato.

  6. Grazie a tutti per i vostri commenti e le vostre riflessioni,tutte molto interessanti.

    @ valentina
    io i gatti li adoro, per certi versi più dle cane perché come carattere mi sento più affine ai felini… credo che fino alla fine adotteremo un tigrotto… mma per ora continuoa fare la dura!!! ;P

    @ 3
    Purtroppo a bari se ne vedono di tutti i colori, il problema che al senso di pietà si sostituisce pian piano un senso di insofferenza, a volte penso “ma non potete lavorare”? ma poi mi redimo e mi chiedo “chissà come hanno fatto a finire per strada?”. Non so, non possono essere tutti degli scansafatiche!!!

    @ accantoalcamino
    mi scuso per le lacrime che ti ho procurato. Io gli animali li adoro, sono cresciuta in campagna circondata dalle più varie specie, dalle galline ai cani, passando per i criceti. Il problema per me è che non sono per niente abituata a tenere un animale in casa, in un appartamento. Non sopporto chi maltratta gli animali, ma capisco un po’ meno chi si cura più degli animali che delle persone, in generale, la vedo un po’ come una contraddizione.

    @pennelliribelli
    è un po’ il discorso che dicevo prima, è una contraddizione impietosirsi per un cane e non per una persona in difficoltà. O ti importa o non ti importa degli esseri viventi che soffrono. Se giustifichiamo questa discrasia dicendo “ma gli uomini sono cattivi” dimostriamo una cosa sola, la nostra stessa cattiveria verso chi è uguale a noi… Alius et Idem, giusto per riprendere il titolo carico di significato del blog di Valentina.

    Il cane sta con il barbone perché, per fortuna per il barbone, il cane non “ragiona” come un uomo, non allontana una persona perché puzza o perché non ha un tetto sulla testa, non trova dei buoni motivi per andarsene il suo non lavorare e non bastare a se stesso, non è una moglie, non è un “amico”, non è un qualcuno che ha bisogno di realizzare qualcosa nella sua vita liberandpsi della zavorra del compagno rimasto indietro, il cane ha bisogno di dare e ricevere affetto, di qualcuno a cui essere fedele, per sempre, STOP!
    Per lo meno quei cani non vengono abbandonati sulle autostrade prima delle ferie, per certi versi sono più fortunati di altri.

  7. Hai ragione Cle, sono daccordo ma non possedendo il dono della sintesi mi sono soffermata sugli animali. Quello che avrei da dire a proposito degli uomini lasciati soli al proprio triste destino è tanto da riempire un libro ma ci sarà senz’altro un’altra occasione🙂

  8. Sono dell’opinione che si voglia prendere un cane, bisogna avere parecchio tempo da dedicargli. Di conseguenza, per persone che lavorano, che trascorrono la maggior parte del giorno fuori di casa, avere un cane sarebbe improponibile. E questo soprattuto per il cane stesso, che, essendo un animale domestico, necessita cure ed attenzioni e vivrebbe “male” se i suoi padroni lo lasciassero sempre chiuso in casa da solo.
    Da questo punto di vista, forse i mendicanti sono i migliori padroni che un cane possa avere…

  9. I miei erano contro gli animali. “Belli a casa degli altri” “Sporcano” “Serve tempo”. Fino a che non ho preso la maturità e come regalo mi è arrivato il Giugi, il mio piccolo topocane. Da quel momento “argo/il giugi/il tuo cane” (quando gli giravano le balle -_-”’) è entrato a fare parte della famiglia. Letteralmente. Mia madre ha passato i dieci anni successivi a menarla col pelo e che bisognava pulire più spesso e che era un impegno (ma gli comprava i biscottini di nascosto) mio padre a dire che schifo quando me lo sbaciazzavo (ma se lo prendeva in braccio quando, durante una passeggiata un po’ più lunga si stancava… era un cane da ripo-S-o). A novembre, poco dopo la mia operazione, il giugi è morto, a causa di un linfoma della pelle. Tempo due mesi i miei avevano già preso altri due cuccioli. E io vivo fuori di casa da due anni ormai. Il vuoto che lasciano è incolmabile, ed è pari all’affetto che ti danno. Ovviamente ho chiesto a mia madre se questi sono autopulenti o si sanno gestire da soli quando lei è al lavoro: si è messa a ridere e mi ha detto che era una cogliona (testuali parole).

    Ovvio che la vita va riorganizzata quando arriva un animale, ma il gioco vale sempre la candela, spesso molto più di quanto noi crediamo. Il giugi ci amava alla follia e ce lo faceva capire, anche senza la parola.

    Però a questo aggiungo una cosa: le cose da fare ci sono e il posto di un cane (animale da branco) è in casa, non (solo) fuori. Ipso facto se voi la casa a specchio e non te la senti (è giusto che ognuno gestisca la sua vita come preferisce) è davvero meglio evitare. Fermo restando che il giugi (e anche i piccolotti nuovi arrivi) non è MAI salito su un divano, letto, persona, perché lo abbiamo educato così (e senza mai una patacca che fosse una).

    Ah, altra cosa (in risposta a chi ritiene che i cani siano felici in giardino): una mia amica ha 4 pastori tedeschi è un giardino kilometrico, dove loro sono liberi di andare e venire… e loro son SEMPRE e SOLO dove sono i padroni (sono animali da branco, ed è col loro branco, cioè noi, che vogliono stare).

    Concludo per quanto riguarda il partito gatti: io a casa ho due micioni. E’ vero che non li devi portare fuori, NON è vero che soli tutto il giorno non soffrano, anzi. Io prima ero a casa tutto il giorno, ora son fuori tutto il giorno, quando torniamo li abbiamo incollati addosso come cozze, perché hanno paura che andiamo via… E anche i mici perdono il pelo (e un gatto se vuole andare sul divano CI VA, e le punizioni servono solo a farlo diventare diffidente, dato che il gatto NON è animale da branco e l’unico approccio sensato se non vuoi che diventi, ad occhi umani ovviamente, uno stronzo, è il rinforzo positivo) e, nonostante i miei siano bravissimi dato che hanno imparato subito ad usare il tiragraffi e farsi tagliare le unghie (consiglio letture sul tema sia nel caso gatto che nel caso cane, sono vitali), tanti invece si dirigono verso tende, divani e porte… I miei mi han rovinato o rotto qualche cosa… il giugi non ha MAI fatto un mezzo graffietto a nulla (ma anche in quel caso mi ero documentata molto sull’educazione fin da cucciolino, il periodo che va dai 3 ai 6 mesi è il più produttivo).

    Che dire… se hai voglia di qualche dritta o di un confronto più “ampio”, ci sentiamo via mail, davvero!!! Un animale, soprattutto all’inizio, necessita che si sia pazienti… ma l’amore incondizionato che ti dona, unito alle risate che ti fai, secondo me ripaga di tutto.

  10. @ scrutatrice
    l’altro gg ho incontrato uno spazzino con cane al seguito: lui si che ha scelto il lavoro giusto, prende il giusto salario per le ore di lavoro che fa (mica come me 13h in studio per trovarmi sottopagata) e mentre lavora può portarsi a spasso il suo cane per luuuuuuuunghe passeggiate! Devi vederli come sono contenti entrambi!!!

    @Claudio
    uhmmmm i pesci rossi sono proprio una specie vivente che non attira la mia attenzione e le mie cure, piuttosto un bel formicaio!!!

    @Bet
    Ricordo la storia del tuo amato cane! E so bene che i cani dei giardini sconfinati non sanno cosa farsene!!! ahahaha lo vedo con il cane del custode del campo sportivo su cui si affaccia la mia casa: si guarda intorno, scruta le distanze e poi se ne sta culo e camicia con il padrone! ahahaahahahahahahahaha
    Le case-bomboniera non mi si addicono e non riuscirei nemmeno con tt l’impegno possibile ad ottenerla anche senza cane, le mie remore sono più dovute ad ogni singolo sudato euro che abbiamo messo per ogni singola componente della casa… e per qualche anno vorrei che rimanessero “nuove” (sput sput sput) queste poche cose che abbiamo!!!

    Passo…
    non sono pronta per questo passo!!!

  11. Io ho avuto un cane in casa per 14 anni. I primi anni vivevo solo, lo portavo al lavoro con me. Si può fare, tutto si può fare.

    Ma è bella, la riflessione iniziale, sui barboni. Non credo sia il motivo per cui si possa finire in strada…🙂 credo però che un cane è un amico che non ti chiede nulla, cui non devi spiegare niente, che si accontenta di un posto dove sdraiarsi che sia un po’ meno freddo quando fa freddo e un po’ meno caldo quando fa caldo, che mangia quello che c’è, quando c’è, che vive bene sotto un ponte così come in un appartamento di lusso, non ti giudica se puzzi, o se sei ubriaco.
    Io anche a volte ho pensato ai cani dei barboni, e ho pensato che fra tutti i cani che hanno un padrone forse quelli potevano essere fra i più felici.

  12. non so se è questa la ragione, ma penso che cani e homeless siano complementari. sicuramente si fanno compagnia e i cani danno loro quell’affetto che in molti gli avranno negato. è difficile tenere un animale in casa, un po’ per quelle ragioni che tu elencavi. nel mio caso per problemi di allergia. allora abbiamo adottato una colonia di gatti incantevoli. all’occorrenza diamo da mangiare anche a qualche cane…

  13. @ buzz
    abbiamo usato le stesse parole🙂

    @ mizaar
    …per non parlare delle allergie :O

    In ogni caso
    evviva gli amici leali e fedeli, qualsiasi sia il numero di arti che utilizzano per muoversi!😀

  14. Amo anche io gli animali e con me ho la micia… ed un gatto è ben più semplice da gestire …l’indipendenza che ha crea meno problemi se si deve star fuori casa per tante ore!
    Mio nipote che da poco convive con la fidanzata ha deciso (han deciso) a mio avviso egoisticamente di prendere un cane, di taglia grande poi… visto che sia lui che lei son cresiuti con cani! … ed io condivido e comprendo l’amore ed il desiderio che hanno avuto… però ora che stan fuori dalla mattina alla sera per lavoro, tengono il cane nel piccolo giardinetto che hanno, lui da bravo cucciolo curioso ha già saltato la staccionata e si è fatto male ad una gamba contro una macchina!…allora pensa ad una cuccia (anche perchè dovrà coprirsi dal sole ora che arriva l’estate) …e non so… lo terranno legato per non correre il rischio!?..non so sai…. ma appunto perchè li animali li amo non so se il modo in cui lo fan star per la maggiorparte delle ore è amorevele!… bisogna valutare bene la realtà… un cucciolo tenero e peloso conquista al primo sguardo ma dobbiamo pensare appunto al suo benessere a come vivrà prima di adottarlo! … quindi fa le tue giuste valutazioni tesoro..anche quella di aver la casa nuova etc…. e sicuramente se lo prenderete sarà per amarlo e per far star bene sia lui che voi!🙂
    un bacio

  15. Ciao Terry!
    ma no… il cane legato e senza un riparo no… è una cattiveria, poverino!
    Spesso rimproveriamo i bambini che trattato cani e gatti come se fossero giocattoli, ma anche i grandi a volte non si rendono conto che hanno a che fare con esseri viventi, che necessitano delle giuste attenzioni e cautele.
    Speriamo trovino presto una soluzione!
    Intanto io continuo a gardarli da lontano (per ora) i pelosetti!!!!😀

  16. Mi ero dimenticata di scrivere, l’altro giorno, che, non so se hai avuto esperienza con dei gatti, ma sono anche molto rilassanti. Quando la sera ti metti sul divano magari a guardare la tv, avere il micio vicino che ti fa le fusa mentre l’accarezzi è qualcosa di fantastico.
    In ogni caso quando prenderai un pelosetto ci farai vedere la foto, vero?😛

  17. Eccome se non lo so!
    uno dei vari motivi per cui preferisco (un pochinino di più) i felini ai cani è che i gatti fanno le fuuuuuuuusaaaaa!

    Credo di avrelo scritto qualche commento più su che sono cresciuta con ogni tipo di animale, abbiamo una villetta in campagna, quindi in estate abbiamo sempre avuto animali di ogni genere, che poi durnate l’inverno o continuavamo ad accudire facendo su e giù, oppure portavamo nel giardino di mia nonna, e più di altro in assoluto, secondi solo alle galline (XD) sono stati appunto i gatti!

    Io stessa sono una gatta e il mio amour sono tre anni che è obbligato a farmi i grattini tutte le sere, vuoi o non vuoi!!! ahahahahahahahahah

  18. Che gentile che sei, grazie!🙂
    è il bello dei blog, conoscere gli altri e anche un po’ se stessi attraverso il confronto, partorire dei pensieri e delle riflessioni attraverso lo spunto che altri ci danno!😉

  19. Cle parli con una che preferisce di gran lunga gli animali alle persone.. Da bambina ho avuto sempre cani, poi una micia e ora che sono sposata raccolgo di tutto e di più persino i pipistrelli che mi cascano dal nido… se vuoi aspettare per un animale continua a fare la dura perchè poi non ti fermi più😀

  20. Cle bellissimo spunto di riflessione….condivido molte cose ma vorrei anche aggiungere che spesso barbone e cane si scelgono perchè nella stessa condizione…l’uno ha abbandonato tutto per la strada…l’altro spesso viene abbandonato in strada.

  21. Ciao giorgina cara!
    in effetti potrebbe anche essere che alcuni barboni hanno “adottato” dei randagi…
    Anche questo è un “bell’epilogo”, trovare un amico/compagno nonostante la sventura!

  22. Ciao Cle,
    purtroppo a me venerdì è venuto a mancare il mio micione, il mio compagno amorevole da 7 anni…Lo salvai alla nascita..la mamma lo aveva abbandonato da 2 giorni e lui piangeva disperatamente… dapprima lo tenevamo in giardino (aaaaaaah…libero e felice)…si spaparanzava a pancia in su, faceva le sceneggiate napoletane con gli altri gatti, cantava la serenata alle gattine..
    Un bel giorno si ammala pesantemente di insufficienza renale e dato che aveva bisogno di cure e di un cibo aproteico, abbiamo deciso di portarlo in casa (al 2° piano)….
    Sai che scene strazianti quando dal balcone piangeva perchè vedeva gli altri gatti?
    Lo abbiamo curato e coccolato per 2 anni, non gli abbiam fatto mancare nulla, tutto girava intorno a lui, i nostri impegni, i nostri viaggi “a turno”.
    Da due settimane rifiutava ogni sorta di cibo e l’ultimo giorno ha rifiutato anche l’acqua.
    Clelia, non volermene, ma anche questo va messo in conto.
    Ti affezioni maledettamente a quell’amico peloso, ma quando sta male tu non sai cosa fare…e quando lo vedi in agonia? Io ho pianto al suo fianco mentre smetteva di vivere, l’ho amato anche in quel momento…ma posso dirti una cosa con certezza: non dimenticherò mai quelle immagini!!! Mai!!!
    Quindi….fai una scelta con il cuore, ma pensa anche al giorno in cui il tuo cuore andrà in frantumi per la perdita del tuo musetto spelacchiato!

  23. Ciao Lalletta!
    ehhh
    lo so bene che poi c’è la mazzata in attesa.
    L’abbiamo avuta ocn i cani di mia suocera, papà e mamma e 4 “cucciole” ormai arrivate ad avere 13 anni… sono rimaste in tre… è difficile e doloroso. Ed avevano anche i loro problemucci di salute/vecchiaia!
    lo so bene.

  24. Tutte (o il 90% de) le donne che debbono accudire con grande fatica marito (figli) e casa mi appoggerebbero, tranne la signora del quinto piano…. ma lei è una casalinga, se lo fossi anche io il musetto peloso sarebbe già qui!😉😀

E tu? Che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...