Libri

Letture sotto l’ombrellone: The Help

Avevo puntato questo libro da tempo nell’espositore dedicato ai libri trasposti in film. Lo avevo anche adocchiato in lingua originale e sono stata a lungo indecisa su quale delle due versioni acquistare, sino a che, partita per una meravigliosa vacanza in Salento del tutto sprovvista di libri, non me lo ritrovo in un’edicola.

Scegliere quindi la mia lettura da spiaggia è stato supersemplice. E non mi sento nemmeno in colpa verso il mio “tradizionale amico da spiaggia” Andrea Vitali, visto che mi aveva tenuto compagnia in Sardegna il mese scorso e che forse mi allieterà ancora in Agosto (magari versione eBook).

Osannato come classico moderno, The Help (o l’Aiuto, nel titolo con cui era edito in Italia prima della trasposizione cinematografica) è un libro che racconta ombre e luci dell’essere una donna di servizio di colore nel sud degli Stati Uniti, all’inizio degli anni sessanta.

Tutto sommato un libro piacevole da leggere ed ho trovato molto accattivante il fatto che i narratori (e quindi i punti di vista) fossero tre, due donne di servizio di colore e l’aspirante giornalista/scrittrice che raccoglie nella sua opera prima le storie belle e brutte delle donne di servizio della sua città.

Più che un documento sulla segregazione razziale, però, questo è un romanzo dalle tinte rosa. I momenti drammatici ci sono ma, a mio parere, il lettore non li vive.  Le sofferenze delle donne di servizio si mischiano ai “pettegolezzi” che riguardano le ricche signore per cui lavorano, come in una lunga chiacchierata tra comari di paese, finita la quale ognuna torna a casa nè particolarmente turbata, nè particolarmente divertita!

Non è un libro di denuncia o in cui vi siano delle testimonianze forti, insomma. E’ un libro perfetto per la spiaggia (per come intendo io il libro da spiaggia: piacevole, che invoglia ad andare avanti, con trama non troppo complessa ma comunque ricca di personaggi).

L’impressione che ho avuto è che l’autrice abbia “spacchettato” in più famiglie, e quindi in più donne di servizio, i suoi ricordi di bambina e poi di ragazza bianca che è cresciuta in una casa in cui c’era una donna di servizio di colore. Quello che è mancato in pratica, secondo me, è il vero punto di vista della donna di colore o magari della figlia di una donna di servizio. Le vicende raccontate sembravano “notizie di seconda mano” ed è questo, secondo me, che impedisce al lettore di entrare appieno in queste storie, di “viverle” e di emozionarsi insieme alle protagoniste.

Voltata l’ultima pagina mi sono rimaste due curiosità: 1) vedere il film 2) provare la famosa torta al cioccolato e caramello di Minny (presto sul mio blog di cucina, si spera). Ma soprattutto la lettura ha creato spazio nella mia libreria per cercare altri libri che trattino realmente il tema della segregazione razziale, scritti “di prima mano” e che raccontino dal punto di osservazione secondo me più esatto quell’orribile periodo della storia americana e del mondo occidentale in genere. Cosa che, secondo me, a dispetto di chi ha definito questo libro un capolavoro, è assolutamente mancata.

Annunci

14 thoughts on “Letture sotto l’ombrellone: The Help

  1. Carissima..il film è un MUST…..ho visto il film, ovviamente in lingua originale, dopo il film anche il libro….la mia opinione da english lady…difficile da comprendere per chi non conosce l’inglese dei negri..parlano sempre solo al presente..Le mie amiche , anche se tutte insegnati di inglese hanno fatto molto fatica a decfrare questa lingua..dei neri..secondo la mia modesta opinione il film è meglio del libro. Tanto per cambiare..! buone vacanze..UN ABBRACCIO..
    RITA

  2. Io ho questo libri nella categoria “da leggere” da quando è uscito il film (che non ho visto..). Devo ammettere che avevo molte aspettative.. mi hai un po’ dissuasa dal leggerlo ma al tempo stesso incuriosita.. lo leggerò 🙂

  3. Hai già il reader per ebook, il ho il kindle per ipad ma mi va bene per gli ebook di cucina che rende le immagini magnificamente ma per leggere è pesante da tenere… E vorrei prender proprio il kindle di amazon… Per quanto ami i libri, il profumo della carta, tenerli in mano e sfogliarli… Lo spazio è tiranno!!!
    Intanto segno questo titolo!!! 😉
    Baci

  4. Ciao a tutti!!!
    in effetti la reazione che ho avuto con questo libro è ambivalente… Ribadisco, è una lettura piacevole, ma da alcune descrizioni e reclam lette in giro aspettarsi di più era più che lecito!

    @Rita: il film lo vedrò a breve, rigorosamente in lingua! 😉 Ti aggiornerò!

    @Laura e Lilla: come ho detto prima, l’importante è avere la “giusta aspettativa”. Per me è stato più un libro dalle tinte rosa che un classico moderno! Ad ogni modo la valutazione finale è abbastanza positiva! 😉

    @Terry
    iPad anche io!
    All’inizio pensavo fosse un aggeggio inutile ma… per me che sono connessa h24 è davvero celestiale!!!
    In più come dici lo spazio è tiranno, ma per per quel che mi riguarda continuo a comprare libri… in compenso Amour compra molta meno carta grazie al digitale, in più coi l’iPad ha una mano libera per farmi i grattini mentre legge!!!
    100 punti ai formati digitali!!!

    1. L’ho visto qualche WE fa in DVD… carino… ma… come al solito, una volta letto il libro si finisce per notare le differenze e non si capisce se il film “fila” perché sai già la trama o se fila di suo…
      Cmq un film tutto sommato carino!

  5. Ho recentemente letto il libro poi visto il film. Il primo mi è piaciuto moltissimo, si legge d’un fiato e davvero dà da pensare e riflettere. Il film mi è sembrato estremamente riduttivo rispetto al libro (inevitabile, del resto) ma questo lo ha in qualche modo reso orbo di parti fondamentali per gustare davvero la storia nella sua interezza.

  6. La mia lettura estiva..FIORE DI NEVE E IL VENTAGLIO SEGRETO DI LISA SEE.
    LE RAGGAZZE DI SHANGHAI . LISA SEE.
    Dream of joy .(contiuazione del romanzo RAGAZZE DI SHANGAI…LISA SEE. non sono sicura della traduzione perchè le ho lette in Inglese.3 romanzi che vale leggere. romanzi con riferimenti storici.. CINA,.
    Ho anche letto la triologia del momento..le 50 sfumature di grigio in inglese!
    IN ITALIANO SONO: GRIGIO, NERO, ROSSO..in English…GREY nome del protagonista, poi, DARKER, poi, FREED. interessante, !!
    Per completare le 50 sfumature.la parodia di ottavio cappellani 50 SFUMATURE DI MINCHIA. SE HAI VOGLIA DI SPANCIARTI DALLE RISA LO CONSIGLIO, però solo se hai letto la triologia…grey, darker and freed.
    Buon inizo settembre.
    RITA

  7. terrò presenti i primi libri che hai elencato per futuri acquisti, ma alle sfumature non mi voglio per nulla approcciare!
    Quindi passo anche sulla loro parodia!
    ;D
    Grazie per gli spunti!
    Baci

E tu? Che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...