In giro per il Web, Le Mie Ricette

Ma che Bontà…Le ricette di Cle

[Modalità Pubblicità Accesa]

In principio era solo Ecce Clelia… Siccome la Cle è tipa che ama cucinare aprì poco dopo essere approdata su WordPress un blog a parte di ricette…
Cle però aveva notato che il blog di ricette (peraltro spoglio e privo di qualsiasi foto) accalappiava un sacco di visite, quindi decise, per non avere dispersione di utenza, di migrare le ricette in Ecce Clelia, sistemandole però in coda a tutti i post (se notate negli archivi i post dell’anno 2007 sono solo ricette).

Poi arrivarono le sottoscrizioni al blog… tante sottoscrizioni (e vi ringrazio!). Cle allora, non ritenendo opportuno infestare la posta dei suoi cari lettori con ricette di cui forse non importa nulla, ha deciso con il nuovo anno di riaprire il suo “angolo cottura” nel web.
La cittadinanza è invitata! Accorrete numerosi, anche perché questo blog ormai naviga oltre le 150.000 visite (grazie grazie grazie a tutti voi!!!), uno “sviamento” di clientela non sarà dannoso!

testata
clicca sull’immagine per accedere!

Nella pagina Cle in Cucina trovi l’elenco ricette “globale” (presenti qui e sul nuovo blog).

Buona navigazione, Buon appetito e… passaparola! Occhiolino

[Modalità Pubblicità Spenta]

Annunci
Le Mie Ricette, Leggendo il Giornale..., Libri

Chef Academy: un videocorso di cucina!

La mia passione per il cibo e la cucina non è un segreto!chef

Poco tempo fa ho completato la raccolta dei volumi editi da Corriere della Sera ed Rcs Scuola di Pasticceria: una collana davvero ben fatta, ricca di immagini accattivanti e veramente completa sul tema Dolci. Fin troppo completa! Dato il successo della collana l’editore ha deciso di “allungare il brodo” di altri otto numeri che io ho ritenuto superflui (tranne che per i Dolci delle grandi occasioni e Dolci per i bambini). Qui il piano dell’opera con la possibilità di richiedere i numeri arretrati attraverso un servizio efficiente e veloce.
(Qui invece potete trovare alcune delle ricette di questa collana da me sperimentate).

Questa settimana in edicola ho visto, e comprato, il secondo numero di Chef Academy – Antipasti caldi allegato a Repubblica o L’Espresso ogni lunedì (in alcune edicole disponibile già dal sabato). Ho perso il primo numero, Antipasti freddi in offerta lancio. Potete consultare il piano dell’opera qui in cui è offerta anche la possibilità di consultare per ogni numero l’indice dei contenuti di libri e Dvd. Esattamente Dvd! E’ nella presenza dei Dvd che sta la novità e la particolarità di questa ennesima raccolta dedicata alla cucina, un ottimo concorrente della Enciclopedia della Cucina Italiana in edicola in queste stesse settimane con le riviste Mondadori. Ogni uscita si compone di un fascicolo e di due dvd. Tutti i contenuti dei Dvd sono riproposti nel libro ma in maniera complementare piuttosto che ripetitiva di modo che i due supporti non siano una mera ripetizione degli stessi contenuti.

In ogni uscita troverete una sezione dedicata alla preparazione delle ricette proposte, la scuola di cucina su tecniche di base, utensileria e materie prime e le ricette dei grandi chef italiani filmate passo passo.

L’acquolina in bocca è assicurata ed anche la voglia di mettere in atto da subito quello che si è appena imparato. Lo chef che ci fa da “maestro”, Sergio Maria Teutonico, direttamente dalle cucine di Chef per un giorno, è molto chiaro e molto “alla mano”: spiega tutto nei minimi dettagli ed in maniera appassionata, cerca di utilizzare strumenti che normalmente tutti noi abbiamo in cucina, ci da la sensazione di poter essere tutti quanti, con solo un po’ di allenamento, dei grandi maestri tra i fornelli!

La collana è rivolta a qualsiasi tipo di pubblico: agli esperti come ai neofiti, dalle mogliettine alle prime armi ai single… Infatti la sezione dedicata alla scuola di cucina aumenta gradualmente di difficoltà, ma anche nelle cose che “crediamo di sapere tutti” c’è sempre da imparare! In più le dosi consigliate sono per lo più per 4 persone di modo che è semplice sia ridurle che aumentarle senza particolare sforzo!

Ancora una volta una collana le cui 13 € di costo a volume sono davvero ben spese! vivamente consigliata a tutti gli amanti della buna tavola!

At Home, Le Mie Ricette, Suggerimenti e Consigli

Forno alogeno… Let’s try!

Mia suocera, con cui condivido la passione per la cucina, mi ha regalato un forno alogeno.

Si tratta di una coppa da 12 litri (utile per cucinare da una a max tre porzioni) in plexiglas con coperchio su cui è installato un termoconvettore alogeno.

Pare debba poter cuocere in modo più veloce: all’interno si sviluppa un vortice di aria calda che consente una cottura uniforme e veloce… Prima di provarlo ho fatto un giro su You tube alla ricerca di qualche video dimostrativo. In italiano si trovano solo video pubblicitari, quindi non realmente attendibili, mentre cercando in altre lingue ho trovato questo video molto interessante in cui si mostrano le funzioni di autopulitura e un esempio di cottura. Vedrete che grazie alle griglie in dotazione si può cuocere anche su due livelli contemporaneamente avendo magari cura di porre un foglio di carta stagnola sul livello superiore se vogliamo evitare una commistione di liquidi!

Altri video mostrano un’altra funzione molto utile: cuocere delle bistecche di carne congelata in poco più di un quarto d’ora: si inserisce a forno spento la carne congelata ed eventualmente qualche verdura di contorno, si accende il forno impostando 20 min. di cottura. Sulla carne si forma un’invitante crosticina e l’interno rimane succoso. Per arrostire un pollo intero con le patate serve circa un’ora e un quarto.

Altra nota: In tutti i video che ho visto i cibi vengono posti nel forno quando questo è ancora freddo, nel libretto di istruzioni e nelle ricette allegate si dice di preriscaldarlo. Forse è un’accortezza a cui dare seguito solo se si decide di cucinare degli impasti lievitati. Importante sapere che la lampada alogena si spegne e riaccende automaticamente durante la cottura per mantenere la temperatura costante, quindi se ad un certo momento vedete spegnersi il forno non spaventatevi!

In ogni caso, anche se decideste di preriscaldare il forno prima di inserire i cibi sappiate che i tempi per il raggiungimento della temepratura sono davvero brevi in confronto ad un forno tradizionale (200° li ragginge in 5 min d’orologio), mentre i tempi di cottura dei cibi restano pressocché invariati. Per cuocere per una o due persone o comunque riscaldare delle piccole porzioni è sicuramente più “economico” del forno tradizionale, ma sostanzialmente se si ha in casa un fornetto elettrico, magari ventilato o un microonde combinato, resta un elettrodomestico superfluo.

Un aspetto negativo riguarda gli odori: il forno alogeno/termoventilato non ha una chiusura ermetica e tutti gli odori invadono impunemente la cucina, molto più che con forni tradizionali o a microonde. Tuttavia può essere molto utile per cuocere fuori casa: una scampagnata alla villetta in campagna, un pic nic se si ha un generatore, studenti fuori sede, single… in questi casi può sicuramente avere un maggiore impiego che in una famiglia dove si spadella a tutte le ore!!!

Quanto alla superficie di appoggio potete usarlo in tutta tranquillità, il supporto cu cui poggiare il coppone è sufficiente per proteggere qualsiasi superficie. Io le prime volte lo tenevo sul pavimento, ma dopo aver constatato che la zona circostante (e sopratutto il piano d’appoggio) non si riscaldano in maniera eccessiva, lo tengo tranquillamente sul top in laminato della mia cucina.

Nella Pagina FAQ, sotto la domanda “E’ possibile cuocere dolci con il forno alogeno” ho inserito le foto di una tortina cotta (per prova) nel fornetto: la risposta è ovviamente Si! Nè la ventilazione proveniente dall’alto impedisce la lievitazione. Ho anche cotto dei soufflè al cioccolato (quelli con il cuore morbido) sono cresciuti anche senza lievito. Quindi tutto assolutamente ok!

 In questo Post  ho inserito il ricettario allegato al mio fornetto e altre ricette via via segnalate dai visitatori.

Le Mie Ricette

Salame al Cioccolato

Ingredienti :

  • 100 g cioccolato al latte
  • 100 g burro a t.a.
  • 100 g di zucchero
  • 1 uovo
  • 75 g Cacao amaro
  • 3-4 cucchiai di marsala (o rhum, o San Marzano Borsci o altro liquore di vostro gradimento)
  • 250 g biscorri frollini
  • codette arcobaleno

Procedimento:

  1. Sciogliere il cioccolato a bagnomaria e lasciare intiepidire.
  2. Lavorare il burro a crema ed aggiungere gradatamente lo zucchero, l’uovo, il cacao, il marsala ed il cioccolato sciolto.
  3. Unire infine i biscotti tritati grossolanamente.
  4. Pressare bene l’impasto e formare un rotolo di 25 cm (aiutandovi con carta stagnola o carta da forno).
  5. Tenere il salame in frigo per un giorno. Servire a Fette!

La mia variante:
sostituire il cioccolato al latte (in tutto o in parte) con del cioccolato fondente;
è possibile utilizzare oltre o in sostituzione dei biscotti, nocciole o mandorle tostate (potrebbe essere così consumato anche da chi soffre di Celiachia, oppure in questo caso utilizzare biscotti specifici senza glutine).

Lo stesso impasto (polverizzando i biscotti) si presta bene a creare dei tartufini: Ecco i miei:

Scopri la versione egg-lactose free sul mio blog di cucina

Questa invece può essere un’idea carina per presentare i vostri tartufini passati nel cacao:

Apporto calorico
100g = 471 kcal
20g = 95 kcal

Le Mie Ricette

Torta Caprese

Ingredienti:

  • 400g. mandorle già sgusciate e spellate
  • 250g. di zucchero,
  • 250g. di cioccolato fondente,
  • 250g. di burro,
  • 6 uova,
  • 1 bustina di zucchero al velo

Procedimento:

  1. Tritate le mandorle, senza farle a poltiglia, e fondere il cioccolato a bagnomaria.
  2. Battere i tuorli con zucchero a zabaione, aggiungendo del liquore per aromatizzare se gradito.
  3. Montare i bianchi a neve e unire il tutto in una zuppiera con il burro sciolto. L’impasto deve essere consistente. Non serve il lievito.
  4. Cuocere in forno a calore medio per 1 ora circa, in una teglia larga che avrete foderato di carta argentata o da forno. Una volta fredda spolverate con zucchero a velo vanigliato.
  5. Variante: é possibile utilizzare del cioccolato bianco e aromatizzare con  del limoncello. Si può accompagnare con crema al mascarpone.

Trovi altre ricette senza glutine qui

Le Mie Ricette

Bomboloni

Ingredienti

  • 250 g di FARINA OO 
  • 250 g di FARINA MANITOBA (farina ricca di glutine)
  • 75 g di ZUCCHERO bomboloni
  • 1 cubetto di LIEVITO DI BIRRA
  • 80 g di BURRO
  • 250 g di ACQUA E LATTE
  • La buccia di 1 LIMONE grattugiata
  • 1Pizzico di sale

Procedimento:

  1. Sulla spianatoia unire le farine e creare la fontana, unirvi lo zucchero e il sale. Sbriciolare al centro il cubetto di lievito, unire la bucci adel limone e il burro a temperatura ambiente.
  2. Impastare un po’ il burro e poi allargare un po’ la fontana e versare al centro l’acqua col latte. Impastare per almeno 10 minuti.
  3. Lasciare lievitare per 2 ore.
  4. Stendere con il matterello la pasta con, maneggiandola con delicatezza e poi tagliare con il coppapasta dei cerchi, stenderli su una placca coperta di carta forno e lasciarli riposare da ½ ora a 1 ora.
  5. Prenderli con delicatezza e friggerli in abbondante olio.
  6. Una volta pronti passarli nello zucchero semolato e riempirli con crema pasticcera, aiutandosi con la tasca da pasticcere.