Libri, Suggerimenti e Consigli

Il piacere di leggere… Ad Alta Voce

Da due anni e mezzo, da quando è nata la mia piccolina, lavoro da casa e benché non dover più viaggiare in treno mi faccia guadagnare un bel po’ di tempo da destinare al lavoro e alla casa, devo anche dire che assieme alla pendolarità ho perso però buona parte del tempo che quotidianamente riuscivo a dedicare alla lettura (non sono mai stata costante con la lettura serale, per via dell’insonnia che mi comporta il desiderio di finire un libro).

Il podcast di Ad Alta Voce è stato un’ancora di salvezza e sono qui a tesservene le lodi.

Per chi non lo sapesse, Ad Alta Voce è un programma radiofonico di RadioRai3, in cui grandi classici della letteratura internazionale ed italiana vengono letti da fior fiore di attori…ad alta voce, appunto! Tutte le repliche sono inoltre disponibili sul sito di dedicato, nella App di RadioRai e tramite il podcast del programma stesso (in quest’ultima trovate però solo i libri più recenti). In pratica avete grtuitamente ed a portata di click una intera biblioteca di audiolibri, di ogni genere e ordine!

Io sono diventata una grande amante e fan del programma. Non solo mi consente di “leggere” di più (desiderio di ogni appassionato di lettura), ma mi consente anche di colmare le mie lacune culturali (ammetto di non aver ancora letto molti, troppi classici!) nonché rendere piacevoli le pulizie quotidiane e settimanali (ormai diventate un momento di elevazione e crescita personale e non solo un “dovere”).

Insomma, una grandissima risorsa e, perché no, un ottimo strumento didattico anche per i più giovani o per gli stranieri che vogliono imparare/affinare la lingua italiana.

E voi? Cosa ne pensate degli audiolibri? Restate fedeli alla carta? Utilizzate altre applicazioni di audiolettura? O magari seguite anche voi Ad Alta Voce e avete libri da consigliarmi? Fatemelo sapere nei commenti, intanto io qui sotto inserisco la lista dei libri che ho ascoltato nell’ultimo anno tramite podcast, tutti memorabili:

  1. Il nome della Rosa – Umberto Eco
  2. Il Sistema Periodico – Primo Levi
  3. La scoperta del Bambino – Maria Montessori
  4. La morte di Ivan Ilich – Tolstoj
  5. Se questo è un uomo – Primo Levi
  6. Jane Eire – Charlotte Bronte
  7. Una cosa divertente che non farò mai più – David Foster Wallace
  8.  Nudi e Crudi – Allan Bennet
  9. Cent’anni di solitudine – Gabriel Garcia Marquez
  10. Il Conte di Montecristo – Alexandre Dumas
  11. Uno studio in rosso – Arthur Conan Doyle
  12. (in ascolto) Frankestein – Mary Shelley

Annunci
Niente di che, Suggerimenti e Consigli

Lo sapevate? Sapevatelo!!!

More Widgets For Your Blog.

WordPress ci ha deliziato con dei nuovissimi gadgets che ho subito aggiunto alle mie sidebar in entrambi i miei blog!

Dal widget dei post che ci sono piaciuti, passando per i blog a cui siamo abbonati, senza tralasciare il simpaticissimo widget “Community” in cui figurano le facce dei nostro followers, commentatori, likers, etc!

Sono certa che li vedrò fioccare anche sui vostri blog al più presto! ^__^

Anzi, tanto sono ansiosa di vedere in azione questi nuovi widget che ho pensato bene di fare un passaparola, non sia mai che i miei amici blogger non siano “abbonati” come lo sono io alle WP-news!

Buon divertimento! Smuack!

PS: Per quelli, come la mia cara amica L. che non sanno cosa siano o dove si trovino i widgets, sappiate che:

I widgets sono i “gadgets” che potete aggiungere alle vostre barre laterali (sidebar) o nello spazio sotto i post (se previsto dal vostro layout, chiamato footer).

Potete aggiungerli, personalizzarli accedendo all’area Aspetto–>Widget del menù dalla vostra bacheca.

Un esempio? Tutti quelli che vedete qui a lato: immagini, elenco dei tag, elenco delle categorie, ultimi commenti, ultimi articoli, archivi… Alle immagini potete collegare dei link che rinviano fuori o dentro il vostro blog… Insomma! Potete rendere il blog più “vostro”!!!

Forza all’opera!!!

Caro Diario, Suggerimenti e Consigli, The Puccis

Il segreto della felicità (ed anche di un buon San Valentino)

“Say what you want!”

Io ne ho fatto una massima di vita ormai! Di’ quello che vuoi, di’ quello che pensi, di’! Parla!

Quante volte vi siete sentiti insoddisfatti perché il vostro fidanzato non si era accorto di quale fosse la vostra canzone preferita; perché la vostra migliore amica non ha immaginato quello che volevate per il vostro compleanno, o perché vostro marito vi ha comprato una borsa che starebbe molto bene con la giacca che la vostra vicina tiene nell’armadio?

Quante volte?

Quante volte al lavoro  non vi è stato assegnato un incarico che pensavate di poter svolgere bene?

Quante di queste volte avevate apertamente manifestato quali fossero i vostri desideri e le vostre aspettative?

Dunque il mio consiglio è semplice e spassionato: non aspettatevi che la gente, vostro marito, vostra sorella possa leggervi nel pensiero. Accettiamo la realtà dei fatti: fuori dai film nessun maschio “sua sponte” deciderà di preparare la cena perfetta per la sua amata il giorno di San Valentino, o peggio in occasione del suo compleanno (dove “sua sponte” significa senza aver ricevuto mega cazziatoni in passato e senza aspettarsi una ricompensa a luci rosse). Raramente le amiche azzeccheranno il regalo giusto se non date qualche indizio. In nessun caso il vostro datore di lavoro vi gratificherà con un incarico più remunerativo se non glielo proponete voi!

Il rimedio è molto semplice: abituarsi ad esternare. Sentimenti buoni e cattivi. Desideri che si vorrebbero realizzare ed aspettative deluse. Pensieri che ci preoccupano e piccoli gesti che ci farebbero felici. Diamo qualche segnale a chi ci sta intorno, togliamolo dalla nebbia del “Che cosa avrà voluto dire con quel broncio?”.

Magari perderete un po’ dell’effetto sorpresa, ma meglio una sorpresa annunciata (o pilotata) che nessuna o peggio una brutta sorpresa! No? Meglio passare la vigilia del vostro compleanno a dare qualche indizio al vostro adorato maritino su come vi piacerebbe andasse la giornata, che cacciarlo di casa a pedate, perché proprio quel giorno ha invitato a casa gli amici per la partita dicendo a propria difesa “Ma come, dici sempre che ti stanno simpatici!!”.

Magari con il tempo, suggerimento dopo suggerimento, imparerà a farlo da solo… chissà!

Vi lascio con lo scambio di battute di oggi (era un po’ che non vi intrattenevo con la serie The Puccis!), giusto a dire che predico come razzolo, se sia bene o male lo lascio dire a voi!

Cle: va bene ho capito che non mi porterai a cena stasera, almeno non farmi trovare i panni ancora da stendere se proprio non vorrai accogliermi a lume di candela. Pantofolone!

Lui: si che ti porto a cena, domenica però 😛

Cle: ok! ma non a amangiare la pizza, cena significa cena!

Lui: si amore cena completa 😀

Cle: Va beh! organizza tu. Se non organizzi ti lascio.

Lui: gne gne gne! si che organizzo, basta prenotare.

Cle: … e ti devi vestire bene
… e ti devi fare la barba
…. e mi devi dare i fiori

Lui: la barba me la sto facendo spesso. Prometto che ti darò anche i fiori 😀

Cle: ti amo anche per la tua spontaneità!

In giro per il Web, Niente di che, Suggerimenti e Consigli

Comunicazione di servizio!

Buon primo maggio a tutti!

Latito. La verità è che anche se mi viene in mente di scrivere qualcosa non sono ispirata appieno e ne verrebbero fuori post poco carichi di verve e spirito.

Non che sia triste o abbattuta in questo periodo, è solo che sono poco ispirata. Niente allarmismi!

Oggi comunque sono venuta a capo di una domanda che mi assillava: “Perché nonostante mi sia iscritto ad un blog WordPress non ne ricevo le notifiche dei nuovi post via mail??!” la cui risposta voglio condividere con voi.

Premessa: ci sono due modi di iscriversi ad un blog WordPress:

  1. Da loggati: cliccando su Subscribe nella barra degli strumenti che vi appare in alto, (il mio account, il mio blog…), apparirà subito una spunta.
  2. Da loggati e/o sloggati: cliccando sul bottoncino apposito (se presente) nella barra laterale dei Widget  o nei footer (elenco widget in basso), previo inserimento del proprio indirizzo email se non si è iscritti/loggati a WP (riceverete una mail di conferma).
  3. Da loggati e/o sloggati: dopo aver postato un commento spuntando la casella “ricevi nuovi post via mail” sotto la casella dei commenti.

Se vi iscrivete ad un blog seguendo la modalità 2 e 3 riceverete senz’altro una email ad ogni inserimento dei nuovi post sul blog (persino i post temporanei di rilevamento del tema da parte dei software di blog-editing).

Se invece siete soliti iscrivervi ai blog tramite la modalità 1, l’impostazione di default che WP sceglie per voi è quella di NON inviarvi nulla nella vostra casella di posta. Per leggere i nuovi post dei blog a cui siete iscritti, pertanto, dovreste andare nella pagina “le mie iscrizioni” dal menù “Il mio account”.

In definitiva perché questa differenza? Perché tramite il bottoncino nel Widget (modalità 2 e 3) voi date il consenso allo “spam” nella vostra casella di posta da parte dei blogger; diversamente WP vi “preserva” dalla posta indesiderata, per cui se volete leggere i nuovi aggiornamenti dai blog che seguite, dovete farlo necessariamente dal vostro account WP.

Naturalmente potete in ogni momento modificare queste impostazioni dalla pagina “Impostazioni sottoscrizioni” e decidere se e quando ricevere aggiornamenti via mail dai singoli blog a cui siete sottoscritti: mai (impostazione di default seguendo la modalità 1), immediatamente (di default per la modalità 2 e 3); una volta al giorno, o una volta a settimana.

Spero che questo post sia stato chiaro e soprattutto utile.

Vi invito ad esplorare ed utilizzare queste funzioni, e soprattutto invito tutti a inserire nel proprio blog il Widget delle sottoscrizioni!

A presto!

At Home, Caro Diario, Suggerimenti e Consigli, The Puccis

Tra i due mali…

Ovvero: come manipolare la volontà del maschio (senza ricorrere a stratagemmi sessuali).

Il mio gentile coinquilino non gradisce molto il colore (e lo stile) del nostro piumino. Per non lasciarlo dormire avvolto da una insostenibile nuvoletta rosa gli ho proposto di andare da Ikea a scegliere un copripiumino più etero o per lo meno unisex!

Ha accettato.

Dopo nemmeno un’oretta (sono stata parecchio veloce a  fare il giro questa volta, arraffando roba qua e là senza troppo perdere tempo) lui già mostrava i soliti sintomi di insofferenza: a domanda rispondeva ondeggiando come un ubriaco implorando con gli occhi d’esser portato via all’istante.

Davanti all’espositore dei copripiumini disponibili ad un certo punto odo una frase che LUI mai si aspettava di proferire: “Va beh dai! teniamoci quello rosa!”.

Ecco fatto! Occhiolino

Mi sembra di riconoscere qualcuno di mia conoscenza!!!
Suggerimenti e Consigli

E’ tornato (giusto in tempo per Natale)

Ieri al supermercato sotto casa finalmente l’ho rivisto!

Mi avevano riferito dei suoi avvistamenti in giro, ma ancora non lo avevo incontrato.

Ieri, vicino alla cassa, come al solito distrattamente lo cercavo… Poi d’improvviso lo vedo e… un tuffo al cuore. Mi sono guardata intorno per condividere la mia gioia con qualcuno, ma… nessuno. L’ho guardato ancora per accertarmi che fosse proprio lui, quasi una lacrima m’è scesa.

E’ tornato! L’insostituibile, ineguagliabile, inimitabile San Marzano Borsci è tornato sugli scaffali.

Che bel regalo di Natale (dico davvero! regalatelo e regalatevelo per Natale!!!).